EUROPA,  VIAGGI

NAPOLI DAI MILLE COLORI E SAPORI

Napoli, un tempo Parthenope, è una città unica al mondo. ““Napule è mille culure, Napule è mille paure, Napule è a voce de’ criature che saglie chianu chianu… ” non è solo la canzone di Pino Daniele, ma rappresenta la città in tutta la sua bellezza: colori, paure, voci, sole, mare, città piena di fascino e dalle tante ricchezze artistico culturali. Vi basterà fare le cose più semplici per assaporare il vero spirito napoletano, come passeggiare per i vicoli stretti del centro storico, sedervi in un bar per gustare il famoso caffè napoletano o una sfogliatella calda, mangiare una bella pizza o un cuoppo fritto a qualsiasi ora, contrattare sull’acquisto di qualche souvenir in una bancarella e ascoltare il sottofondo delle radio durante le partite del Napoli. La città è viva e molto ospitale, un luogo in cui bellezza e degrado, storia e modernità convivono alla perfezione. Le cose da vedere a Napoli sono talmente tante che scegliere è veramente difficile. Ecco alcuni consigli su cosa vedere in un weekend:

1) Museo Cappella Sansevero;

2) Monastero di Santa Chiara;

3) Museo e Real Bosco di Capodimonte;

4) Santa Maria alla Sanità e Catacombe di San Gaudioso, il mercato del Rione Sanità;

5) Girare tra i vicoli del centro storico, Via dei Tribunali, Spaccanapoli e San Gregorio Armeno;

6) Napoli sotterranea (portatevi una felpa);

7) Tour delle stazioni della metropolitana (Toledo considerata una delle più belle d’Europa);

8) Il Museo Archeologico Nazionale;

9) Piazza del Plebiscito, Teatro San Carlo e Palazzo Reale;

10)Visita a Castel dell’Ovo arrivando dal quartiere Mergellina;

11) Una passeggiata tra il quartiere Chiaia e il lungomare Caracciolo;

12) Castel Sant’Elmo;

13) Campi Flegrei;

Hotel: Hotel Piazza Bellini, posizione strategica per visitare il centro storico, camera ampia e pulita, arredi semplici ma confortevoli. Il personale gentile e disponibile.

Mangiare: è difficile mangiare male, di solito ovunque é buono ed economico, dallo street food “o cuoppo”, al ristorante di pesce, alla pizzeria. Vi consiglio di andare da Attanasio, il tempio delle sfogliatelle, oppure in Piazza Garibaldi a prendere un caffè con la C maiuscola al Bar Mexico, oppure da “A Figlia d’o Luciano” per provare dei classici della cucina napoletana come la zuppa di cozze, gli spaghetti alla pignata o il brodo di polpo, infine é obbligo mangiare una pizza da Sorbillo o Di Matteo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *